Blog Tigri Domestiche

Come utilizzare il servizio Blog

Servizio Blog Tigri Domestiche è riservato agli utenti registrati sul nostro Portale.

Per iniziare basta effettuare login e passare sulla pagina principale dei Blog e cliccare pulsante “Aggiungi testo”.  È sufficiente seguire tutte le istruzioni e alla fine riscrivere codice di sicurezza. Il contenuto sarà pubblicato dopo la accettazione dall’Amministratore.

Regolamento:

Servizio Blog è riservato esclusivamente agli utenti registrati su Portale www.tigri-domestiche.it

Ciascun utente che ha concluso con successo la procedura di registrazione sul sito ha lo spazio per creare il proprio blog personale.

Comportamento

 Gli utenti sono tenuti a comportarsi con educazione nel Blog e, in particolar modo, sono pregati di trattare con il dovuto rispetto i nuovi iscritti.

Sono inoltre vietati:

  • Atteggiamenti e/o posizioni di contestazione, presi a titolo gratuito, palesemente ostili nei confronti degli Amministratori del Blog;
  • Atteggiamenti e/o posizioni di contestazione, presi a titolo gratuito, palesemente ostili nei confronti degli altri utenti del Blog;
  • Incitamento al mancato rispetto delle presenti regole miranti alla esclusiva destabilizzazione della normale e pacifica partecipazione attiva al Blog.

 Non sono inoltre permessi:

  • Argomenti ritenuti non idonei allo spirito del Blog, cioè contrari al buon gusto ed al pudore, o comunque in grado di offendere la sensibilità di altri utenti.
  •  Il pubblicare materiale che violi le leggi sul copyright e sul diritto d'autore.

Se sei d'accordo con le nostre regole, sei benvenuto su Blog Tigri-Domestiche.

 

 

La rupe di Calcata e dei gatti

La rupe di Calcata e dei gatti

  Avete mai assaggiato le penne del Gatto bianco? Siete invece di quelli che amano il peperoncino, e allora non potete che ordinare le pennette del Gatto nero, con tanto di alici da leccarsi i baffi.
Non sono ricette che si trovano nei libri di favole, ma nella realtà....



  Il luogo è la Latteria del gatto nero di Calcata. Già il ristorante è fiabesco, un piccolo omaggio a queste creature con dipinti, stampe e altri oggetti a tema. E poi non poteva mancare la mascotte: un gatto nero in vibrisse e pelo. Anzi, al ristorante ci son sempre stati solo gatti rigorosamente neri, l’ultimo si chiama Tito.
Ovviamente le ricette richiamano i gatti solo nei nomi, qua si mangia bene ma si mangia arista all’arancia, pappardelle al cinghiale e stracotto. La terra è quella giusta infatti per i piatti veraci della tradizione: il Lazio.
   Calcata è uno dei borghi più suggestivi nel cuore dell’Agro Falisco: su uno sperone si erge nel vuoto il borgo medievale.
   Una fortificazione naturale alla quale si accede solo per una porta che custodisce una piazzetta con troni di tufo. È proprio la fragilità di questo materiale che fa del borgo il ‘paese che muore’ appellativo che condivide con la vicina Civita di Bagnoregio.

Calcata

   Ma dopo un periodo di decadenza, nel secolo scorso è stata riscoperta e abitata da numerosi artisti che qui ritrovano il contatto con una vita naturale e magica. Si narra infatti che qui ai tempi degli Etruschi, alleati dei Falisci (il cui capostipite era un compagno d’armi di Agamennone) si compissero riti magici e propiziatori.
   Ma non manca anche la dimensione sacra. Qui si conservava la reliquia del prepuzio di Gesù. Recisogli a otto anni venne conservato a Calcata, dopo che era stato donato a Carlo Magno da un angelo. Per molti secoli se ne erano perse le tracce, in vicissitudini geografiche assai romanzesche, finché a fine ‘500 venne trovato, ma nessuno riusciva ad aprire lo scrigno. Solo una ragazza dall’animo puro riuscì nell’impresa e si narra che per tutta Calcata si propagò un odore celestiale. Questa soluzione fu celebrata con molti onori e devozione per molti secoli il 1° gennaio, giorno della SS. Circoncisione. Fino a una quarantina di anni fa, quando se ne persero ancora le tracce. Per qualcuno però è tutt’ora conservata, nella parrocchia di Calcata, ben nascosta, “perché ritenuta troppo imbarazzante”.
Tra magia e natura i gatti non potevano mancare, e infatti in giro per Calcata sono assai numerosi.
   È anche per questo che sempre qui è nato il progetto Il casale dei gatti. Due fratelli, Leandro e Martina, con l’idea di realizzare non un albergo per e con gatti, ma rivedere tutto il borgo in funzione dei gatti e della loro mentalità. Al momento i soldi raccolti sul sito Facebook non consentono ancora la realizzazione del sogno.
Oltre al Castello degli Anguillara con la torre ghibellina, da visitare il Museo Opera Bosco. Aperto nel 1996 da due artisti, Anne Demijttenaere e Costantino Morosin, è un percorso nel bosco con quaranta opere fatte solo con materiali naturali.
Se avete voglia di fare un viaggio fuori dal mondo, andate a Calcata.

La Latteria del gatto nero

Ecco le informazioni per partire:

Comune di Calcata
Piazza Risorgimento, n 1
Tel. +39 0761.58.70.21
Associazione “Calcata Borgo Medievale”
Sito web: www.calcataborgomedievale.com

Museo Opera Bosco
Tel. +39 0761.58.80.48
Cell. +39 328.27.69.123
Sito Web: www.operabosco.eu

 

 

... e per visitare altri luoghi "gatteschi" consultate la Guida

Guida di viaggio per gattofili Barbara Bellinelli



07-02-2019 Barbarabellinelli

Aggiungi commento

Pubblicità

Tigri Domestiche Shop Gioielli
I gatti sono ornamenti viventi.
- Edwin Lent

Navigazione

La nostra comunità